Home Page / ATTIVITÀ / Gli Orizzonti della Salute

GLI ORIZZONTI DELLA SALUTE

Dopo i 10 anni di attività, la consueta rassegna autunnale “Vivere sani, Vivere bene” evolve nell’esplorazione della salute intesa non solo come condizione fisica e mentale dell’individuo, ma anche come indispensabile requisito del benessere della collettività nel suo insieme. Un benessere che va coltivato con uno sguardo sempre rivolto in avanti, al futuro, alle nuove opportunità offerte anche dalla tecnologia.

Nasce così la nuova rassegna Gli Orizzonti della Salute, che raccoglie questa sfida e propone a Vicenza una riflessione con i migliori scienziati, esperti e intellettuali per sviluppare un pensiero consapevole sulla centralità della salute come patrimonio comune.

EDIZIONE 2021

Gli Orizzonti della Salute
Disegnare un nuovo futuro

La salute va oltre l’individuo, trascende i confini nazionali e ha bisogno di soluzioni globali. Questa è la lezione degli ultimi diciotto mesi, che hanno rappresentato un doloroso momento di frattura in tutto il mondo.

Siamo stati costretti a confrontarci con la fragilità di un sistema di sviluppo che non ha saputo vedere i suoi limiti. La comprensione delle interazioni che si sono stabilite tra Coronavirus, situazione ambientale, condizione socioeconomica, patologie pregresse, ha richiesto un approccio nuovo e più ampio per definire la «crisi di salute» che stiamo vivendo.

La ricerca ha saputo unire le forze, ha superato i confini tra paesi e tra discipline, ed è arrivata, in un arco di tempo straordinariamente breve, ad una risposta. Ora è necessario andare oltre: serve un sistema di cura interdisciplinare, diffuso e partecipato, per progettare lo sviluppo umano a partire dalla prevenzione.

La tecnologia – big data, robotica, intelligenza artificiale, digital health... – può essere un prezioso alleato, a patto che sappia mantenere le sue promesse. E che contribuisca ad arricchire la qualità delle nostre relazioni, senza le quali perdiamo parte della nostra energia creativa, essenziale per costruire il futuro che vogliamo.

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.
OBBLIGO DI GREEN PASS.

Posti limitati, nel rispetto delle norme interne e delle disposizioni di legge per la prevenzione del contagio da Covid-19. In caso di posti esauriti, è possibile accedere alla lista d’attesa.

Le conferenze saranno trasmesse in diretta streaming al link www.fondazionezoe.it/streaming

EDIZIONE 2019

Gli Orizzonti della Salute tra emozioni e relazioni del vivere contemporaneo

Il 2020 ha modificato radicalmente non solo il nostro modo di vivere, ma anche la nostra visione del mondo e del futuro: un trauma collettivo, che sta generando un cambiamento antropologico epocale, legato anche alla vertiginosa accelerazione nell’uso delle tecnologie digitali. Ci siamo resi conto della nostra fragilità e abbiamo maturato una nuova consapevolezza sulla centralità della salute non solo del singolo, ma come patrimonio collettivo e indispensabile pre-requisito del vivere sociale. Stress e paura prolungati incidono profondamente sulle nostre emozioni e comportamenti, sulla nostra mente, sulla struttura stessa del nostro cervello.

La pandemia, istantaneo amplificatore delle nostre incertezze, ci pone di fronte a nuovi interrogativi, alla ricerca delle risposte cruciali: cosa abbiamo imparato? Come siamo cambiati? In che modo tornare a guardare al futuro con positività?

Gli Orizzonti della Salute si propone di riflettere intorno a questi temi, focalizzando in particolare alcuni aspetti:

  • La ricerca più avanzata dimostra che anche le emozioni sono governate dal cervello: con quali meccanismi, e quali potenzialità? Qual è il loro ruolo? Si può imparare a governarle?
  • Come incide sulla nostra mente la digitalizzazione che stiamo vivendo? Fino a che punto modifica i nostri comportamenti, le scelte, le decisioni? Cambierà il nostro rapporto con la realtà?
  • In che modo cambiano le relazioni, interpersonali e di cura? In un mondo fatto di tecnologia e comunicazioni a distanza, senza i gesti, gli sguardi e i non detti propri del contatto diretto, saremo più lontani o più vicini?

 

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA.

Prenotazioni aperte da lunedì 5 ottobre.

Posti limitati, nel rispetto delle norme interne e delle disposizioni di legge per la prevenzione del contagio da Covid-19. In caso di posti esauriti, è possibile accedere alla lista d’attesa.